Menu

Intolleranza al lattosio: Cause, sintomi e trattamento

Che cosa è l’intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio è molto comune. Le persone con intolleranza al lattosio hanno problemi digestivi quando consumano prodotti lattiero-caseari, che possono avere un effetto negativo sulla qualità della vita.

L’intolleranza al lattosio è un disturbo causato dall’incapacità di digerire il lattosio, il principale carboidrato presente nei latticini.

Il lattosio è un disaccaride, il che significa che è composto da 2 zuccheri semplici:

  • glucosio
  • galattosio.

 

L’enzima lattasi è necessario per decomporre il lattosio in glucosio e galattosio ed essere metabolizzato.

Se le lattasi non bastano, il lattosio transita nell’intestino non digerito  provocando una serie di sintomi digestivi.

Il lattosio si trova anche nel latte materno e quasi tutti nascono con la capacità di digerirlo.

L’ intolleranza al lattosio non è la stessa di un’allergia al latte.

Una grande sfida per le persone che sono intolleranti al lattosio è quella di imparare a mangiare per evitare il disagio e di assumere abbastanza calcio per mantenere  le ossa sane .

Qual è la causa dell’ intolleranza al lattosio?

L’organismo digerisce il lattosio grazie alle lattasi.

Le persone con intolleranza al lattosio non producono abbastanza lattasi, quindi il lattosio rimane nell’intestino dove fermenta. Il risultato è la produzione di vari gas, che causano i sintomi associati all’intolleranza al lattosio.

L’ intolleranza al lattosio può essere temporanea o permanente.

La maggior parte dei casi negli adulti sono ereditari e tendono a durare per tutta la vita, ma nei bambini piccoli sono spesso causati da un’infezione nel sistema digestivo e possono durare per alcune settimane.

Esistono 2 tipi principali di intolleranza al lattosio, che hanno cause diverse.

  • Intolleranza primaria al lattosio

 

L’ intolleranza primaria al lattosio è la più comune. È  provocata da una diminuzione della produzione di lattasi con l’età, quindi il lattosio è scarsamente assorbito . Questa forma di intolleranza al lattosio può essere parzialmente causata dai geni, perché è più comune in alcune popolazioni rispetto ad altre.

  • Intolleranza secondaria al lattosio

 

L’ intolleranza secondaria al lattosio è rara. L’intolleranza secondaria al lattosio è causata da un’infiammazione nell’intestino,  dopo un’infezione o una malattia

 Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

I sintomi di intolleranza al lattosio di solito si manifestano entro poche ore dal consumo di alimenti o bevande che contengono lattosio.

I sintomi più comuni sono:

  • flatulenza
  • diarrea
  • stomaco gonfio
  • crampi allo stomaco e dolori
  • brontolio dello stomaco
  • malessere generale

 

Se non gestita correttamente, l’intolleranza al lattosio può causare gravi problemi digestivi.

La gravità dei sintomi può variare, a seconda della quantità di lattosio che si può tollerare e di quanto se ne è introdotto con gli alimenti.

Quando si deve andare dal medico?

I sintomi dell’intolleranza al lattosio possono essere simili a molti altri disturbi e malattie, quindi è importante consultare il medico di famiglia per una diagnosi prima di escludere latte e latticini dalla dieta.

Ad esempio, i sintomi potrebbero nascondere altri disturbi o patologie e possono anche essere causati da:

  • Sindrome dell’intestino irritabile (IBS)  
  • intolleranza alle proteine ​​del latte

 

Se il tuo medico pensa che tu abbia una intolleranza al lattosio, potrebbe suggerirti di evitare cibi e bevande contenenti lattosio per 2 settimane per vedere se i sintomi migliorano.

 Chi manifesta l’intolleranza a lattosio?

L’intolleranza al lattosio può manifestarsi  a qualsiasi età, inclusi neonati e bambini piccoli.

 È un’allergia?

L’intolleranza al lattosio non è un’allergia al latte o ai latticini.

Le allergie alimentari sono causate dal tuo sistema immunitario che reagisce a un certo tipo di cibo. L’allergia provoca sintomi come:

  • eruzione cutanea
  • respiro affannoso
  • prurito.

 

Se sei allergico a qualcosa, anche una piccola particella può essere sufficiente a scatenare una reazione, mentre la maggior parte delle persone con intolleranza al lattosio può ancora consumare piccole quantità di lattosio senza avere problemi (anche se questo varia da persona a persona).

Come si diagnostica l’intolleranza a lattosio?

La diagnosi si basa sull’esecuzione di 2 test diagnostici:

  • H2-Breath Test
  • Test genetico

 

In genere si esegue prima il Breath Test. Questo test consentirà di stabilire se il lattosio è stato digerito adeguatamente oppure no.

Il test genetico è consigliato per i bambini (a partire dai 3 anni), poiché meno invasivo in quanto si tratta di un prelievo salivale, oppure se si hanno altri casi in famiglia.

Breath Test e test genetico sono complementari.

Esiste un legame tra la celiachia e l’ intolleranza al lattosio?

Sì, molto i celiaci sono predisposti geneticamente o acquisiscono anche l’intolleranza al lattosio.

Trattamenti per l’ intolleranza al lattosio

Non c’è cura per l’intolleranza al lattosio, ma limitare l’assunzione di cibo e bevande contenenti lattosio di solito aiuta a controllare i sintomi.

  • integratori di lattasi

 

Oltre ai cambiamenti nella dieta ci sono integratori, generalmente in compresse, contenenti l’enzima lattasi che se assunti prima di consumare alimenti o bevande con lattosio permettono di digerirlo.

Tuttavia, l’efficacia di questi prodotti sembra variare da persona a persona.

  • Probiotici e prebiotici

 

I probiotici sono microrganismi che forniscono benefici per la salute.

I prebiotici nutrono i batteri benefici che hai nell’intestino, in modo che prosperino.

Sia i probiotici che i prebiotici hanno dimostrato di ridurre i sintomi dell’intolleranza al lattosio, i bifidobatteri , spesso presenti in yogurt probiotici e integratori aiuterebbero moltissimo.

  • Integratori

 

A seconda di quali prodotti lattiero-caseari puoi consumare, potresti anche richiedere integratori di  calcio e  vitamina D per mantenere le tue ossa forti e sane.

  • Nutrizionista

 

In alcuni casi, il medico può indirizzarti da un nutrizionista per ulteriori consigli ela dieta personalizzata appropriata.

  • Esclusione

 

Si potrebbe trattare i sintomi limitando o evitando i prodotti a base di latte. Alcune persone che sono intolleranti al lattosio possono consumare yogurt senza problemi, in particolare lo yogurt con fermenti lattici attivi.

Si rischia una carenza di calcio?

Il latte è ricco di molti nutrienti ed è la migliore fonte di calcio. I latticini sono altamente nutritivi e importanti fonti di proteine , calcio e vitamine come A, B12 e D

Questa combinazione di nutrienti è ottima per le ossa.

Rimuovere i prodotti lattiero-caseari significa invece che devi assumere questi nutrienti da altri alimenti.

Una delle maggiori preoccupazioni per le persone che sono intolleranti al lattosio è assicurarsi di assumere abbastanza  calcio . 

Il calcio è importante per:

  • i bambini
  • gli adolescenti
  • le donne incinte
  • le donne dopo la menopausa . 

 

Se si eliminano dalla dieta tutti i latticini e il latte, è necessario disporre di fonti alternative di calcio.

Includere i latticini nella dieta apporta:

  • maggiore densità minerale ossea
  • minor rischio di fratture ossee quando si invecchia

 

I prodotti lattiero-caseari sono stati anche associati a un ridotto rischio di diabete di tipo 2 e obesità.

I latticini sono ottime fonti di calcio, ma il consumo di latticini non è essenziale, è possibile avere una dieta sana senza latticini. Hai solo bisogno di includere altri alimenti ad alto contenuto di calcio.

L’assunzione raccomandata di calcio è di 1.000 mg al giorno.

Alcune buone fonti di calcio non da latte e latticini  includono:

  • Broccoli
  • cavoli
  • cime di rapa
  • Sardine in scatola
  • Tonno
  • salmone
  • Succhi
  • cereali
  • Prodotti di soia fortificati al calcio come latte di soia, tofu e soia.
  • Mandorle
  • formaggi a pasta extra-dura, come il parmigiano reggiano stagionato 30-36 mesi
  • Alimenti fortificati con calcio

 

Tuttavia, in alcuni di questi alimenti il calcio è scarsamente assorbito a causa della presenza di antinutrienti come il fitato e l’ ossalato .

Quali alimenti contengono lattosio?

Il lattosio si trova nei prodotti lattiero-caseari.

Latticini che contengono lattosio

  • latte  Vaccino (tutti i tipi)
  • Latte di capra
  • Formaggio (compresi formaggi a pasta dura e tenera)
  • Gelato
  • Yogurt
  • Burro

Gli alimenti che a volte contengono lattosio:

  • salsa al latte
  • Biscotti
  • Cioccolato e dolciumi, come dolci e caramelle
  • Pane e prodotti da forno
  • torte
  • Cereali da colazione
  • Zuppe e salse istantanee
  • Carni lavorate , come prosciutti o salumi affettati
  • Pasti pronti
  • Salse e sughi
  • Patatine
  • Noci
  • Dessert e creme

 

I latticini come burro, yogurt e alcuni formaggi sono tollerati meglio del latte.

È importante controllare l’etichetta degli alimenti per vedere se contengono lattosio nascosto.

 Complicazioni di intolleranza al lattosio

Il latte e altri prodotti caseari contengono:

  • Calcio
  • Proteine
  • vitamine come A, B12 e D.

 

Il lattosio aiuta anche l’organismo ad assorbire un certo numero di altri minerali, come:

  • il magnesio
  • lo zinco.

 

Queste vitamine e minerali sono importanti per lo sviluppo di ossa forti e sane.

Se sei intollerante al lattosio, assumere la giusta quantità di vitamine e minerali può rivelarsi difficile a causa delle restrizioni alimentari.

Questo può portare a una perdita di peso e aumentare il rischio di sviluppare malattie e disturbi come:

  • Osteopenia: densità minerale ossea molto bassa. Se non viene trattata, può evolvere in osteoporosi.
  • Osteoporosi:aumenta il rischio di fratture
  • Malnutrizione: ritardi di cicatrizzazione, stanchezza e depressione

 

Se sei preoccupato che le restrizioni alimentari ti possano mettono a rischio di complicazioni, potresti trovare utile consultare un nutrizionista per una dieta e se hai bisogno di integratori alimentari.

Se pensi di avere l’intolleranza al lattosio, parla con il medico.

Se invece vuoi verificare se sei intollerante alle proteine del latte vaccino, allora puoi passare in farmacia per il test.

Condividi questo articolo!